giovedì, luglio 20, 2006

Famiglia Piazzetta - Storia e Emigrazione



Famiglia Piazzetta - Storia ed Emigrazione


Il bisogno d' immigrare

Senza pretendere finire l’argomento, questo spazio è stato idealizzato come forma d’omaggio ai miei antenati e, anche, come punto di riferimento e aiuto a tutti i discendenti delle parecchie righe della Famiglia Piazzetta nel mondo. Le drammatiche condizioni dell’emigrazione veneta, soprattutto quella del fine Ottocento, tornano difficile le ricerche e la comprensione del nostro passato famigliare.

Crediamo che la conoscenza della nostra storia famigliare e quella collettiva, le cause che hanno creato questo vero esodo, molto contribuirà per la nostra crescita personale.

La situazione sociale, politica ed economica della regione Veneto, dopo degli ultimi venticinque anni del XIX secolo, si tornarono precarie. La fame, la pelagra, e la mancanza di futuro, ha forzato migliaia d’uomini, donne e bambini ad abbandonare per sempre i suoi comuni natali, i famigliari, emigrando definitivamente per ricercare una fortuna altrove. Questa fortuna, nella maggiore parte, non era altro di più che un lavoro dignitoso, un tocco di pane a tavola e un futuro migliore per i suoi figli.

Il Brasile, dalla sua estensione, dalle facilità offerte nell’inizio del periodo emigratorio, pronto si torna nel sogno della maggioranza di quelli poveri contadini e piccoli artigiani veneti che volevano un posto per lavorare e guadagnare del pane d’ogni giorno, un posto ove potessero essere padroni delle sue terre e creare i figli in libertà.

La difficile decisione d´emigrare, le incertezze ed i timori del lungo viaggio verso lo sconosciuto oceano, le precarie condizioni nelle navi, le innumerevoli difficoltà trovate all’arrivo nella nuova terra, marcarono profondamente la vita dei nostri antenati, e questi sentimenti sono stati trasferte a noi suoi discendenti, come una spezie d’eredità.

Per situare migliore il lettore nel tempo, inizieremo questo riassunto a partire della riga famigliare Piazzetta, discendente dell’emigrato veneto Francesco
Piazzetta, arrivato in Brasile nell’anno 1890.
Ricordiamo in ogni modo che questo spazio sta aperto per la divulgazione di tutte le altre righe della Famiglia Piazzetta. Agli interessati si chiede inviarci materiale per l’indirizzo elettronico citato in questo blog - familia_piazzetta@yahoo.com.br


Le dure condizioni della vita

Francesco Piazzetta ci raccontava che le condizioni della vita, nella Pederobba di allora, non erano molto differenti d’altri comuni del Veneto. Il costo della vita era molto alto, principalmente per i più poveri, essendo che mancava lavoro per una gran parte de popolazione. La perda delle raccolte nella regione dalle disastrose condizioni del clima, durante parecchi anni seguiti: secchia, grandine, piene nella pianura e alluvioni nelle montagne, ha portato la fame e la pelagra per tutto il Veneto.

I poveri contadini, i mezzadri e gli artigiani, pativano molto di più, specialmente dovuto ai famigerati tributi sul macinato e sul sale, due odiose forme di penalizzare sempre i più bisognosi.
Non vedevano loro una possibilità di futuro migliore nella loro terra natia e la voce corrente era emigrare per l’America, nell’epoca il decantato “eldorado”. Molti dei suoi vicini e amici erano ormai partiti in emigrazione e questo contagiava a tutti.

Finalmente, nell’anno 1890 Francesco Piazzetta, allora vedovo e con cinque figli per creare, in face delle difficili condizioni di vita a Pederobba, con mancanza di un futuro dignitoso per i suoi figli, decide andarsene in emigrazione per il Brasile.

Al partire lasciarono a Pederobba la figlia primogenita e sorella Giovanna Antonia, allora sposata con Luigi Viviani, cui mai tornarono a rivederla.

Così, nell’anno 1890, Francesco Piazzetta ed i suoi figli: Giovanni Battista con 19 anni, Colomba Rosa con 14, Noé con 11 ed Augusta Aurora con 10, con un groppo in gola, lasciarono per sempre la cara terra natale per non ritornare più.

Visite:

www.fainors.com

FAINORS

http://fainors.blogspot.com

Associação Trevisani nel Mondo - Erechim

http://atmerechim.blogspot.com

Associação Bellunesi nel Mondo - Erechim

http://bellunesierechim.blogspot.com

Circolo Vicentini nel Mondo de Erechim

http://vicentinierechim.blogspot.com

Imigração Vêneta

http://veneti.blogspot.com

Imagens de Erechim - Passado e Presente

http://erechimimagens.blogspot.com

A Vista do Meu Ponto - Crônicas

http://a-vista-do-meu-ponto.blogspot.com/

Curso FAINORS

http://linguaitaliana.blogspot.com

Assembléias da FAINORS

http://assembleiasfainors.blogspot.com

Gioventù Veneta di Erechim

http://gioventuvenetaerechim.blogspot.com

A Mulher Vêneta no RS

http://mulherveneta.blogspot.com





1 commento:

Laura Passuello ha detto...

Egr. dott. Luiz Carlos Piazzetta,

complimenti per l'importante lavoro da lei realizzato sulla storia della sua famiglia.
Ho letto con interesse le varie vicende che hanno spinto la sua famiglia di origine ad emigrare in Brasile.
Ho rivisto con immenso piacere alcune delle immagini che mi aveva gentilmente inviato per la Storia dell'emigrazione da Villa Bartolomea e in parte pubblicate nel libro "Un sogno e un dramma di ieri e di oggi".
Sono contenta che, dopo un periodo di interruzione, sia ripreso lo scambio di informazioni fra le nostre realtà.
Ancora congratulazioni, anche per gli altri lavori di raccolta di documentazione, e tanti auguri.

Lauretta Passuello, Villa Bartolomea (Verona) ITALIA